Il cammino per arrivare al “mare”

 

E’ come se avessi sempre saputo che la mia “missione “ era di occuparmi del benessere degli “altri”.Dopo le scuole superiori di Ragioneria mi sono iscritta alla facoltà di Psicologia nel ‘72 a Padova, però non ho completato il percorso di studio in quanto  la vita mi ha chiamato a fare altro in quel periodo. In seguito per 18 anni mi sono occupata della vendita e produzione di strumenti chirurgici come titolare dell’azienda Medimar. L’osservare il dolore quotidianamente come succede frequentando Ospedali e Case di Cura, mi faceva sognare che ci fosse qualcosa di non invasivo che potesse alleviare e ridare salute e benessere a 360° ai disagi o disfunzioni che si incontrano inquesto nostro essere umani.

Il primo approccio con il mondo della “medicina non convenzionale” è stato il Reiki,NEL ’99, un metodo di guarigione naturale che ci permette di entrare in contatto con l’Energia Universale e incanalarla per poi trasmetterla attraverso le mani, usando lo spazio del cuore come ponte. Non nascondo il mio scetticismo iniziale che si è poi trasformato nell’incontro con la capacità, insista in ognuno di noi, di fluire nel movimento naturale del dare e ricevere senza fare nulla, semplicemente ascoltando quello che c’è , senza giudizio, interpretazione e voglia di cambiarlo, dallo spazio del cuore.
‘ seduto in silenzio, senza fare nulla, l’erba cresce… ‘
Approfondisco la conoscenza energetica dei chakra per poi arrivare al metodo cranio sacrale sia con approccio biomeccanico di J.E. Upledger, che bio dinamico  di Michael Kern, di cui sono Operatrice del Benessere Bio Naturale e di conseguenza l’approfondimento di ulteriori strumenti di sostegno al metodo, frequentando  una scuola : l’ ”Accademia Olos – per le arti della salute e della consapevolezza” di Roma (www.accademiaolos.it).e mi sono formata e attualmente ho il titolo di Operatore del Benessere Bio Naturale (ODBBN) con specializzazione  appunto in Cranio Sacrale  e quello di  Naturopata, dove ho potuto approfondire la mia conoscenza con altri strumenti/ tecniche.
Stò approfondendo ora i miei studi sull’embriologia con Michael J. Shea e il mio percorso di crescita individuale.


Mi sono avvicinata alla ricerca di qualcosa aldilà della ragione in un momento di dolore profondo: l’imminente perdita di una persona cara – mia madre. Sono quelli i momenti in cui puoi sbandare oppure entrare davvero in contatto con l’essenza più profonda di ciò che si è, tanto da operare un cambiamento profondo nella vita di tutti i giorni: scegliere di fare quello che è giusto per Te.
Quando un dolore sembra stracciare completamente la tua Vita, ecco che arriva una soluzione inimmaginabile e tutto cambia. Ho scelto “coraggiosamente” di cambiare la mia vita, di lasciare il certo per l’incerto, partendo dal lavoro.
Scegliere un lavoro per passione e non per dovere o necessità.
Mi ha sostenuto, e tuttora mi sostiene, il desiderio di conoscenza a la possibilità di metterla a disposizione in maniera gentile, non invasiva.
Una mia  attitudine è l’ascolto e la capacità di trovarmi in empatia con gli altri, di “sentirli”.
Nel mettere a frutto queste qualità insiste in me, il metodo Cranio sacrale permette, attraverso l’ascolto del movimento, di creare spazio e accettazione della manifestazione fisica, ossia il sintomo.
È un modo silenzioso per entrare in contatto con le emozioni più profonde senza la necessaria elaborazione mentale.
È il sostegno di presenza e fiducia (ruolo dell’operatore) a permettere al cliente di entrare in ascolto di movimenti interni fisici – naturali ed impercettibili che si ri – sistemano. È come un mare calmo visibilmente, con una corrente di movimento profondo che genera l’onda, l’irruzione, per poi calmarsi verso la riva e tornare al mare, alla naturalità di essere sé stesso.

 

“ sii come le onde del mare,
che pur infrangendosi contro gli scogli,
hanno la forza di ricominciare …”

 

Non puoi accompagnare l’altro nel riscoprire lo stato di ben–essere se prima non l’hai sperimentato sulla tua pelle. Da anni sono coinvolta e avvolta in un percorso di introspezione e ricerca che mi ha sostenuto e mi sostiene a scorgere una Luce anche quando tutto sembra avvolto dal buio. I messaggi possono arrivare in varie forme: malessere fisico e malessere emotivo. Quando dentro di Te scatterà la comprensione che il messaggio del corpo è l’espressione di un disagio emotivo, ecco che posso entrare in campo io e sostenerti nella Tua ricerca.

Cos’è la Naturopatia?
La Naturopatia è una multidisciplina bio-naturale, rivolta al consolidamento dello stato di benessere dell'individuo, inteso come entità globale ed indivisibile di corpo, mente e emozioni, secondo la visione olistica.
Il Naturopata stimola la forza vitale e asseconda la capacità spontanea di autoregolazione dell'organismo, la salute innata che si esprime nella fisiologia umana, fin dal momento del concepimento, operando a sostegno delle risorse naturali dell' uomo.
Il Naturopata considera il disturbo come il risultato, la risposta dell'organismo ad una condizione di vita innaturale, che ha prodotto disarmonie energetiche e/o funzionali. Pertanto ne ricerca le cause e invita la persona ad uno stile di vita più salutare, alla consapevolezza e conoscenza di sé e all'assunzione di responsabilità nei confronti del proprio benessere.
E’ compito del naturopata creare uno spazio di consapevolezza perché quella persona possa, attraverso alcuni piccoli (o grandi) cambiamenti, individuare le sue risorse, modificare il suo modo di vivere le emozioni e darsi una via d’uscita. A volta basta consapevolizzare le dinamiche che intercorrono tra noi e il disturbo, per permetterci di attuare strategie diverse come risposta allo stimolo stressogeno.
Sono davvero tanti i segnali che quotidianamente la parte più intima di noi stessi ci invia quando affrontiamo problemi che in qualche modo creano un impatto negativo su di noi e modificano il nostro stato interiore.
Il più delle volte facciamo finta di niente, andiamo avanti impavidi per la nostra strada mettendo a tacere le vocine interiori che ci dicono……così, così, così…
Arriva il momento però in cui, stanche di rimanere inascoltate, esse ci presentano il conto, nell’unico modo che hanno per potersi esprimere, colpendo quella parte del corpo, la più significativa per quella funzione, deputata a trasmettere quel disagio. “Non si può far finta che la grandine, invadendo il nostro campo, non lasci per terra la metà del nostro raccolto!”
La medicina naturale dispone di tante vie,  dette anche rimedi olistici.

Ecco cosa posso offrirti:

  • La terapia cranio-sacrale,
  • La riflessologia plantare,
  • Il massaggio Tui Na,
  • I sali di Schussler,
  • L’oligogoterapia biocatalitica,
  • La gemmoterapia o fitocomplementi,
  • La floriterapia
  • Sessioni di Reiki.
  • La Meditazione
 

Site by PC assistenza computer.